Agenda

"UN GIORNALISTA ALL'INFERNO" AL CASTELLO URSINO

Share

Dopo il successo ottenuto lo scorso maggio al Teatro San Filippo Neri, ritorna in scena a Castello Ursino il sabato 5 e domenica 6 agosto per la regìa di Alfio Guzzetta,  "Un Giornalista all'inferno" due atti brillanti di Santo Privitera.  La manifestazione che rientra nell'ambito delle estati catanesi organizzate dal Comune di Catania vedrà ancora una volta come protagonista la compagnia teatrale "Terre Forti" diretta dallo stesso Alfio Guzzetta.

-Sabato ore 20.30        

-Domenica ore 20.30

Costo del biglietto:  Euro 8.00

Ridotto

Euro 5.00

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto: "UN GIORNALISTA ALL'INFERNO" AL CASTELLO URSINO

CANTANDO LA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

Share

Domenica 21 alle ore 10.00 presso la sede del Centro culturale "V.Paterno'-Tedeschi", il maestro Salvo Troina parlerà' sul tema: "Cantando la storia: Canzoni e storia dal 1848 al 1950. La canzone italiana: aneddoti, autori musica e cantori di un fenomeno che fu soprattutto di costume. L'Italia del bel canto, dell'amore, delle passioni, dell'arte, della cronaca e dei mestieri accompagnata dalle note di illustri musicisti, canzoni e direttori d'orchestra. La poesia vestita di musica; questa era la canzone italiana del tempo che fu.

TEATRO, "UN GIORNALISTA ALL'INFERNO" Di Santo Privitera

Share

CATANIA- Sabato 20 maggio, ore 20.30; e domenica 21 maggio, ore 18.30,  al Teatro San Filippo Neri l’Associazione culturale Terre Forti in collaborazione con il Centro Culturale Vincenzo Paternò Tedeschi mette in scena la commedia “Un giornalista all’inferno” del giornalista e scrittore Santo Privitera.

 

Dopo la fortunata rappresentazione della pièce “Il paradiso nell’anima” Santo Privitera, nome noto nel mondo della cultura, con il fondamentale sostegno artistico del regista ed attore Alfio Guzzetta riapre il cassetto dei ricordi dando vita ad un vecchio copione scritto agli inizi degli anni novanta. Il direttore di un giornale comanda al cronista una strana quanto improbabile e bizzarra intervista a Satana. In caso di fallimento o, peggio, di rifiuto, sarebbe stato licenziato in tronco. Il giornalista, in modo rocambolesco si ritrova proiettato nella buca infernale al cospetto di sua maestà in persona. Avviata l’intervista si verificano una serie di fatti strani mentre sfilano le anime dannate in attesa di giudizio. Quando il giornalista si trova al cospetto della promessa sposa di Satana, scatta il colpo di fulmine.

Divertimento assicurato e tanti colpi di scena, arricchiti dalle musiche originali di Giuseppe Benito Caruso, prima del gran finale per uno spettacolo che farà riflettere sorridendo sul mondo del giornalismo e sulla realtà di tante redazioni.

 

 
 
 

Informazioni aggiuntive