I PRESEPI DI CARMELO GERACI

Share

Nel momento in cui il multiculturalismo radicale sembra imporre limitazioni all’arte cristiana, c’è chi va in netta controtendenza. Catania, come per il resto della Sicilia, non sembra risentirne affatto di questo fenomeno oggi di moda. L’arte del Presepio, in Sicilia specialmente, presenta una infinita serie di prodotti che si rifanno quasi sempre alle tradizioni locali. Carmelo Geraci, tecnico di laboratorio dell’Istituto Galileo Galilei di Catania, inventore per vocazione, ha raccolto la sfida. Da qualche anno realizza insieme alla moglie e ai due figli, artistici presepi artigianali da collezionare. Il materiale utilizzato è rigorosamente riciclato. Per procuraselo va perfino nelle discariche. Ci vuole fantasia e lui ne ha tanta. Di presepi ne ha creati per tutti gusti e di varie dimensioni. Quello realizzato all’interno di un’anfora,è il più grande di tutti; il più piccolo, invece, è un mezzo guscio di pistacchio all’interno del quale si trova una minuscola Sacra Famiglia. Il novello “Archimede” usando la personalissima formula del “tutto si crea e nulla va distrutto”, da una semplice batteria del telefonino o da un elettrodomestico dismesso, a seconda delle dimensioni riesce a illuminare ambienti ed animare scene e personaggi della Notte Santa. Geraci si dice convinto che “Per una buona ricetta presepiale, bisogna essere capaci di incuriosire anche il più distratto dei visitatori; occorre in buona sostanza creare qualcosa di diverso, di esemplare, che

 

sfrutti nel pieno rispetto dell’ambiente ciò che già esiste in natura”. Bandita pertanto la plastica, si affida al mondo vegetale. Ananas, avogado, kiwi, cocco, melanzane e perfino i carciofi essiccati, trattati con colla di farina colorata diventano Oggetti d’arte. Della sua vasta collezione  fanno parte inoltre i presepi nelle uova, nelle lattine, nei tappi di spumante, nelle conchiglie, nelle zucche, nel mezzo guscio di noci, nelle fragole.

 

Nella foto, Carmelo Geraci e i suoi lavori

 

*Pubblicato su "La Sicilia" del 29.12.2015

Informazioni aggiuntive