Articoli Segnalati

CURIOSITA' 2

Share

Raramente i dittatori sono dotati di senso dell'umorismo. Sospettosi di tutto e tutti, vivono l'intera esistenza soppesando frasi e azioni del prossimo, nel timore che possano costituire prese di posizione contro di loro. Hitler ad esempio, aveva istituito un <TRIBUNALE DELLA BARZELLETTA> per stanare chiunque intendesse metterlo in ridicolo, e non esitò un solo attimo a far giustiziare un attore di cabaret berlinese che aveva osato chiamare il suo cavallo Adolf.

 

* * * * *                                           * * * * * *                              

Durante il ventennio fascista l'ideale della bellezza femminile era improntato a un'immagine delle italiane che esprimesse floridezza e benessere. Erano bandite categoricamente, secondo disposizioni del Ministero della Cultura Popolare, fotografie e illustrazioni ispirate al vitino di vespa del modello americano. Non era tollerabile che i giornali pubblicassero fotografie di donne magrissime.

 

* * * * *                                              * * * * * *                           

 

La farfalla più grande del mondo vive nella parte sudorientale della Papua Nuova Guinea, si chiama "Farfalla della Regina Alessandra", nome che le venne attribuito nel 1907 da W. Rothschild in onore della sovrana di Danimarca. Nelle femmine della specie l'apertura alare può raggiungere i 31 cm. Purtroppo, proprio a causa delle sue rare dimensioni, la specie è molto ricercata dagli appassionati naturalisti e collezionisti di tutto il mondo e rischia l'estinzione pur essendo protetta. Pensate che un esemplare vale diverse migliaia di dollari.

 

 

CATANIA: QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO DELLA "CASA DEL MUTILATO"

Share

Su come vengono gestiti i beni immobili di pregio a Catania, il caso che vi citiamo è emblematico. Non è in discussione il principio della proprietà privata, quanto invece la volontà e le possibili modalità d’acquisto di questi beni che per diritto di storia e di cultura dovrebbero essere naturalmente destinati alla pubblica utilità. E’ di questi giorni la notizia che la “Casa del Mutilato” a Piazza Bellini, e’ stata venduta dall’Associazione Nazionale mutilati e invalidi di guerra che da proprietaria la gestiva, per farne un albergo. La vicenda, alquanto controversa e intrigata,

 

Leggi tutto: CATANIA: QUEL PASTICCIACCIO BRUTTO DELLA "CASA DEL MUTILATO"

TONDO GIOENI: DUE ANNI DI PROTESTE

Share

Ho letto con attenzione l’articolo apparso in questi giorni sul quotidiano "La Sicilia" avente per oggetto il ponte Gioeni e mi è sopravvenuto il voltastomaco leggendo ancora di promesse e di progettiper la scellerata,  avventata,improvvisa scelta del sindaco Bianco di abbattere il ponte non appena insediatosi due anni fa; ha avuto una inopportuna ed inspiegabile ( forse) fretta ad eseguire questa nefasta opera di distruzione operata con l'abbattimento.  Adesso si parla di sistemazione “ ARTISTICA” affidata al bravo arch. Mirone; si avete capito bene: “sistemazione artistica”, roba da non credere, Ancora promesse!!? , Ma ci si rende conto che settembre la situazione si farà ancora più disastrosa per  chi deve recarsi al lavoro e/o accompagnare i figli a scuola?. A quanti e a quali sacrifici ci sta sottoponendo questo sindaco coadiuvato da tecnici poco opportuni, tecnici che non sanno programmare un lavoro di così rilevante importanza. L’ing. Bosco sconosceva l’ubicazione dei sottoservizi, giustificandosi che non erano stati in precedenza (sempre dare colpa agli altri) elaborati. Dico io: allora fermati , indaga, accertati e poi opera se è il caso. In una intervista quando dopo tanto tempo si utilizzò una "bretella" ebbe a dire all’intervistatrice:  "Guardi, guardi sta passando una macchina!" Pensate una macchina con tutto il caos che insisteva  a ridosso. Chi è obbligato a percorrere quattro volte al giorno il tratto di strada di cui parliamo, da due anni  viene sottoposto a stress continuo, senza contare le spese di benzina, l'usura del mezzo, i ritardi accumulati al lavoro e tanto altro. Quando un cittadino comune sbaglia ( in buona o in cattiva fede) e procura un danno verso altri o alla collettività, costui  viene   chiamato a risarcire di tasca propria il danno; Perchè il sindaco e i responsabili no?

 

Leggi tutto: TONDO GIOENI: DUE ANNI DI PROTESTE

CURIOSITA' 1

Share

Lo sapevate che

* Mangiare semi di anguria è un vero toccasana?

Quello che facciamo più sovente è eliminare attentamente col coltello o sputacchiare i semi di anguria mentre la gustiamo fredda e dissetante in spiaggia o in casa. Ebbene, pare che invece mangiarli faccia bene al nostro organismo dato che contengono ferro e magnesio, vitamine del gruppo B, grassi insaturi utili per combattere il colesterolo, vitamina E. Considerate però che mangiati insieme al cocomero hanno effetto lassativo mentre ingeriti separatamente (ad esempio dopo averli essiccati al sole) hanno un effetto benefico. Unica controindicazione è per coloro che patiscono con colon irritabile o diverticolite e che devono astenersi dal mangiarli per non andare incontro a dolori lancinanti.

 

* Anticamente in Inghilterra, la gente comune poteva avere delle relazioni sessuali solo se acconsentiva il re (ad eccezione dei membri della casa reale). Pertanto chi desiderava avere un figlio dal proprio consorte doveva chiedere l'autorizzazione e, dopo aver ricevuto una targa da apporre fuori dalla porta di casa, sulla quale era scritto <FORNICATION UNDER CONSENTE OF THE KING> successivamente sintetizzato F.U.C.K. , poteva finalmente osare accoppiarsi carnalmente. Da questo deriva la parola offensiva modernamente usata per mandare al diavolo qualcuno.

 

 

 

 

 

 

CURIOSITA'

Share

Lo sapevate che sulla fine di Re Artù, mitico sovrano britannico, sono fiorite diverse leggende? La tradizione sosteneva che egli, ferito in battaglia, non fosse morto, ma fosse stato portato in salvo dalla sorella Morgana in un luogo fantastico chiamato Avalon, in attesa di guarire e tornare in patria per vendicarsi dei suoi nemici. Una delle leggende sosteneva che la misteriosa Avalon si trovasse in Sicilia, esattamente nel cuore dell'Etna, dove Re Artù sarebbe vissuto talmente bene in un favoloso palazzo, da dimenticare la vendetta.

                                               ***********************

Nel XVIII secolo, in Amazzonia, alcune etnie indios esercitavano abitualmente la pratica dell'infanticidio, come strategia di sopravvivenza del gruppo. Per non dover sfamare troppe bocche infatti, si prediligevano i maschi alle femmine e i bambini sani a quelli malati. Chi nasceva deforme e non perfettamente a posto, o addirittura orfano di madre, aveva la sorte segnata, a meno che un parente generoso non si offrisse di prendersene cura a vita.

                                               ************************

Leggi tutto: CURIOSITA'

Informazioni aggiuntive