CONCORSO LETTERARIO "V.PATERNO'-TEDESCHI" EDIZ.XIX: LE POESIE PRIME CLASSIFICATE SEZ. LINGUA ITALIANA

Share

                                           

                                   

                             Pregiata scultura della maestra d'Arte Francesca Privitera

                        Realizzata in occasione della Diciannovesima ediz. del Premio.

                                                                         (Foto di Gianni De Gregorio)

 

                                              LIRICA PRIMA CLASSIFICATA 

 

 

                    SU SENTIERI DI NOSTALGIA   di Rosa Maria Di Salvatore( Catania)

 

Tenera come suadente carezza

è la voce del vento tra i rami

nel cielo terso voli di aquiloni

Scie di ricordi a raccontar la vita

Su sentieri ombrosi di nostalgia.

 

Ineffabili dolci melodie

dipingono nell’aria arcobaleni

di suoni e nel cuore la dolcezza

di un lontano passato e l’allegria

dell’ormai perduta giovinezza.

 

Di rugiade racconta la memoria

e di mattini e d’albe luminose

spiragli di luce nell’oscurità

sprazzi di gioia,frammenti smarriti

nella clessidra del tempo. 

 

                      E sorrido

stringendo fra le mani quel candore

e l’innocenza della fanciullezza

cercando di non far volare via

il sogno che trattengo dentro il cuore.

 

        °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°     °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°   °°°°°°°°°°°°°°°°°

                                            LIRICA SECONDA CLASSIFICATA  

 

                                                           

                              AMATRICE     di Gloriana Solaro (Termini Imerese, Pa)

 

Tetti inginocchiati

sopra focolari

di ataviche dimore,

dove sono stati generati

i padri dei padri,

dove candide culle

continuano a dondolare

al canto

di dolorosa ninna nanna,

vibrante come corde di liuto.

Aleggiare di triste

silenziosa foschia

sulle rovine…

calorosi nidi

addormentati per sempre.

Fondersi di anime

in un’appartenenza

di credo e di sangue.

Mani invisibili,

nel tempio della morte,

brandiscono

la campana della memoria,

dove frantumi di sogni

restano scolpiti

nei sordi rintocchi del tempo.

Insidiosa aporia

avviluppa il pensiero,

ma il cuore apre

ad un arcobaleno

di attesa

e di speranza.

       °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°   °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°   °°°°°°°°°°°°°°°°°°°

                                              LIRICA TERZA CLASSIFICATA

 

                          PAURA DI AMARE     di Filippo Giamblanco (Misterbianco, Ct)

 

Mi sembrò di vedere l’infinito,

mi apparve un Angelo dal nulla

con le sue mani di piuma,

sfiorò il viso a una fanciulla

ad un tratto tutto sembrò svanito.

 

Dal bagliore di quella creatura celeste,

rimasi sbalordito.

Vidi un pargolo riposare nella culla,

solo e indifeso,

che ancor d’amor non sa nulla

ma d’altronde anche lui ben presto,

dall’amor sarà amato e poi tradito.

 

A volte bisogna rinascere da certe situazioni,

siamo noi a dover cancellare il passato,

vivere il presente e sognare il futuro,

amare a chi ti vuol bene e ti fa sorridere alla vita.

 

Una clessidra che ci segna il tempo

È come una strada in salita,

è inutile rimpiangere…

E sbattere la testa contro il muro,

vivere non è paura di amare…Ma paura di crescere.

 

                          

 

 

 

 

 

               

 

 

 

Informazioni aggiuntive