Cultura e spettacolo

I DOLI DO SIGNURUZZU

Share

Anche quest’anno è andato in scena al Castello di Leucatia, per la regìa di Gianni Sineri, il dramma musico-teatrale “I Doli do Signuruzzu”. Nell’imminenza della S.Pasqua, la Biblioteca “R.Livatino” in collaborazione col Centro culturale “V.Paternò-Tedeschi”, ha voluto così riproporre nell’antico maniero di Barriera-Canalicchio uno spettacolo vissuto come  momento di riflessione e preghiera più che come un semplice intrattenimento. Protagonisti della serata, il gruppo musicale de “I Colapisci” diretto da Carmelo Filogamo.  I Doli do Signuruzzu” ripercorre a tappe il cammino doloroso di Gesù Cristo verso il Golgota. La presenza del Cristo è solo simbolica visto che il Figlio di Dio non appare fisicamente in scena. L’azione si svolge attorno alla Santa Croce del Martirio. Attraverso la lettura in Lingua del Vangelo, il Verbo diventa così l’unica fonte alla quale attingere per comprendere il vero significato del mistero Pasquale. Questo è il messaggio che si e’ voluto veicolare. Tra nenie, lamenti e antichi canti tutti rigorosamente in dialetto siciliano, svetta la figura di Maria Addolorata. In essa sembrano assommarsi le sofferenze terrene del mondo antico e presente. Avendo percorso il cammino doloroso del Calvario,

 

Leggi tutto: I DOLI DO SIGNURUZZU

LE MANIFESTAZIONI PER IL TRENTENNALE

Share

Quest’anno il Centro Culturale “V.Paternò-Tedeschi ha compiuto trent’anni. Per festeggiare il traguardo raggiunto si sono tenuti tre giorni impregnati dello spirito che anima il centro. Capi saldi dei festeggiamenti: pittura, musica e poesia.

 Il Centro culturale “Vincenzo Paternò-Tedeschi” nacque nel novembre del 1985 dall’attuale presidente Santo Privitera e dal compianto prof. Antonello Germana Di Stefano prematuramente scomparso nel 1996. Il centro prende il nome dal filosofo catanese Vincenzo Peternò-Tedeschi vissuto tra il ‘700 e l’800 e si pone come obbiettivi il tramandare, lo studiare e la divulgazione del dialetto, dei costumi e delle tradizioni locali.

Come Logo ufficiale ha adottato lo Stemma della Catania del ‘600, lo stesso che la pittrice e scultrice Francesca Privitera che ha curato le scenografie dell’evento, ha raffigurato in olio su tela donandolo per l’occasione alla presidenza.

“Avvalendosi della collaborazione di noti professionisti e artisti catanesi-ha sottolineato con orgoglio il presidente-il nostro Centro culturale ha promosso e organizzato oltre duemila eventi tra conferenze, premi letterari, fotografici, mostre e manifestazioni musicali. Un bilancio più che soddisfacente-ha concluso-reso possibile grazie alla passione e l’amore dei soci verso la letteratura dialettale e alla storia patria”.

Il Presidente dott. Santo Privitera al Castello Leucatia

Leggi tutto: LE MANIFESTAZIONI PER IL TRENTENNALE

CENTRO CULTURALE "V.PATERNO'-TEDESCHI: VIDEO PER IL TRENTENNALE

Share

FESTA GRANDE PER IL TRENTENNALE DEL CENTRO CULTURALE "V.PATERNO'-TEDESCHI"

Share

http://www.siciliajournal.it/grande-festa-per-i-trentanni-dellassociazione-vincenzo-paterno-tedeschi/

IL CENTRO CULTURALE "V.PATERNO'-TEDESCHI" NEL TRENTENNALE DELLA FONDAZIONE

Share

Il Centro culturale “V.Paterno’Tedeschi” e’ stato fondato da Santo Privitera e Antonello Germana’-Di Stefano(Catania 1961-1996) il 27 Novembre del 1985. Intitolato al Filosofo illuminista e patriota catanese “Vincenzo Paterno’-Tedeschi(Catania 1786-1859)vissuto a cavallo tra il ‘700 e l’800, ha prediletto lo studio e la divulgazione della cultura letteraria, dei costumi e delle tradizioni siciliane nel pieno contesto Civile, Etico, Economico e Sociale europeo. Il Sodalizio apolitico e aconfessionale aperto ai soci, ai sostenitori di ogni età, livello e grado sociale, nell’arco della sua trentennale attività, avvalendosi di storici, letterati, artisti, esperti ricercatori nell’ambito delle proprie discipline, ha organizzato oltre 2000 eventi culturali e promosso innumerevoli iniziative atte, in particolare,alla riscoperta e alla valorizzazione del patrimonio umano e storico del territorio Etneo. 

 

 

 

Informazioni aggiuntive