Letteratura

POESIA ILLUSTRATA: 'U MACCU"

Share

Il Tema del mangiare assume svariati significati: Da quello più ovvio relativo all'alimentazione, a quello metaforico delle rubberie. Dire L'omu 'ca sta 'o putiri ci mangia finu( l'uomo che è al potere ci mangia bene), è convinzione comune. La cosa peggiore è Quannu 'u sazziu non criri 'o riunu( Quando chi e' sazio non crede alla fame altrui). In ogni caso: Sta' attentu picchì chissi si mangiunu macari a ttia! (Stai attento perchè questi si mangiano anche a te!).Nel 1534 lo scrittore francese Francois Rabelais scrisse il famoso romanzo satirico Gargantua e Pantagruel una ferocissima satira sulla società del suo tempo, ma ancora valida nel nostro.(Vedi illustrazione di Gustavo Dorè risalente al 1873). Si mangia  in eccesso per problemi di isterìa, per predisposizione naturale o per una qualche patologia capace di scatenare una fame tremenda. Quannu 'a panza è vacanti (Quando la pancia è vuota) genera però eccessi verbali: Cetti voti mi mangiassi 'u munnu a muzzucuni! ...si, parola ca si dici. ( Certe volte mi mangerei il mondo a morsi...si, parola che si dice). C' è anche Cu pari ca si mangia 'u munnu e poi 'nveci è na povira cappa ( Sembra mangiarsi il mondo e invece è un poveraccio incapace di fare male a una mosca). In questo caso la metafora è "buonista". Nella sua accezione più ampia: I chiacchiri su cchiacciri ma a panza resta vacanti (Le chiacchiere sono chiacchiere ma la pancia resta vuota) è di grande attualità. La "Crapuloneria" nel tempo ha scatenato ogni forma di fantasia che inevitabilmente  si è tradotta in letteratiura sia in  Lingua che in Dialetto. Vadda 'a chiddu: mangia quantu 'mporcu! ( Guarda a quello, mangia quanto un maiale). Alcuni proverbi sono altrettante sentenze: Mangia di lu sò mangia e du to' sazziatinni(Mangia le cose degli altri e conserva le tue). Questo e' un proverbio che denuncia lo sfruttamento. Lo stesso dicasi per chi Arriva 'a taula cunzata e a pani munizzatu( Arriva appena tutto è pronto); Mangia, ca ti passa 'u scantu(Mangia che ti passa la paura). L'elenco e' infinito. Un consiglio per chi sente troppo la crisi attuale? Mangia, vivi e futtitinni!!! (Mangia,bevi e fottetene!). Lo stesso avrà pensato il poeta Salvatore Marchese allorquando nel febbraio del 1931 scrisse questi versi:

                      ‘U MACCU**

 ‘A costu d’arristarimi pri peccu

su me muggheri mi cucina maccu

sta sira haiu a mangiari quantu ‘n sceccu.

Ogni tri cucchiaiati m’arrisaccu,

li causi m’allentu e lu gleccu,

poi quantu beddu chinu haiu lu saccu

ci vivu supra, masciucu lu beccu

e mutu mutu a lu lettu m’attraccu.

                     

Leggi tutto: POESIA ILLUSTRATA: 'U MACCU"

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE "V.PATERNO'-TEDESCHI": ALBO D'ORO.

Share

 

   

 

      http://paternotedeschi.jimdo.com/concorso-letterario/

SANT'AGATA: UNA POESIA DEDICATA ALLA SUA FESTA

Share

  Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera ne timpesta/ casca u munnu ma a Frivaru ogni annu si fa festa./ Si fa festa alla Patruna di Catania, virginedda…/marturiata finu a morti, sposa a Diu, nobili e bedda./ Fu Quinzianu, pritinnenti, ca ppi raggia e ppi dispettu/s’accanì senza ritegnu finu a scipparicci lu pettu./E patì supplizzi peni e ogni sorti di turtura/finu all’ultimu so sciatu ma ristò divota e pura./ Alla morti di la Santa, la città si ‘nginucchiava/ e lu focu di la lava sutta n’velu…s’arristava./ E accussì annu ppi annu, nun c’è ventu ne timpesta/ in unuri di la Santa a Catania si fa festa./ Tutti appressu alla Santuzza, Prisidenti, Cardinali…/ acchianata  San Giulianu, Culliggiati, Cattittrali…/la Carrozza ‘do Sinatu ccu li primi cittadini/ Cannalori ca’ annacata…Quattru canti…i Cappuccini…/ Li divoti tutti a fila…giuvineddi,nichi e granni/ ca trascinunu la vara…e t’arrizzunu li carni/ ccu li sacchi tutti janchi, tira tira lu curduni/c’è cu ‘nvoca la Santuzza…c’è cu striscia a ginucchiuni./ E lu coru a li Clarissi…e lu Duomu…e li sunati…/e li viali…e li traversi…comu stiddi alluminati./Bancarelli ccu turruni, cosi duci, cassateddi…/appustati strati strati, gnuni, viculi e vaneddi…/comu voli tradizioni…e sarà sempri accussì…/la sparata di li bummi chiazza Burgu…e, a sira o tri!/ Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera, ne timpesta/ casca u munnu ma Catania a Frivaru si fa festa./ Lu splinnuri di la Santa, l’emozioni di la genti/ comu n’ecu ca cuntaggia tutti i cincu continenti./ Emigranti di luntanu…janchi,niuri, longhi e curti/ arrispunnunu cchiù forti…semu tutti divoti tutti…/ Ma ‘na vuci tra la fudda…si fa largu e acchiana jauta…/è la vuci di Catania: Cittadiniiiii….Evviva Sant’Aita!!!

                                             * Tratta dalla Silloge: " Cchiù luntanu di 'na stidda".

 

Leggi tutto: SANT'AGATA: UNA POESIA DEDICATA ALLA SUA FESTA

Informazioni aggiuntive