Letteratura

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE "V.PATERNO'-TEDESCHI": ALBO D'ORO.

Share

 

   

 

      http://paternotedeschi.jimdo.com/concorso-letterario/

SANT'AGATA: UNA POESIA DEDICATA ALLA SUA FESTA

Share

  Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera ne timpesta/ casca u munnu ma a Frivaru ogni annu si fa festa./ Si fa festa alla Patruna di Catania, virginedda…/marturiata finu a morti, sposa a Diu, nobili e bedda./ Fu Quinzianu, pritinnenti, ca ppi raggia e ppi dispettu/s’accanì senza ritegnu finu a scipparicci lu pettu./E patì supplizzi peni e ogni sorti di turtura/finu all’ultimu so sciatu ma ristò divota e pura./ Alla morti di la Santa, la città si ‘nginucchiava/ e lu focu di la lava sutta n’velu…s’arristava./ E accussì annu ppi annu, nun c’è ventu ne timpesta/ in unuri di la Santa a Catania si fa festa./ Tutti appressu alla Santuzza, Prisidenti, Cardinali…/ acchianata  San Giulianu, Culliggiati, Cattittrali…/la Carrozza ‘do Sinatu ccu li primi cittadini/ Cannalori ca’ annacata…Quattru canti…i Cappuccini…/ Li divoti tutti a fila…giuvineddi,nichi e granni/ ca trascinunu la vara…e t’arrizzunu li carni/ ccu li sacchi tutti janchi, tira tira lu curduni/c’è cu ‘nvoca la Santuzza…c’è cu striscia a ginucchiuni./ E lu coru a li Clarissi…e lu Duomu…e li sunati…/e li viali…e li traversi…comu stiddi alluminati./Bancarelli ccu turruni, cosi duci, cassateddi…/appustati strati strati, gnuni, viculi e vaneddi…/comu voli tradizioni…e sarà sempri accussì…/la sparata di li bummi chiazza Burgu…e, a sira o tri!/ Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera, ne timpesta/ casca u munnu ma Catania a Frivaru si fa festa./ Lu splinnuri di la Santa, l’emozioni di la genti/ comu n’ecu ca cuntaggia tutti i cincu continenti./ Emigranti di luntanu…janchi,niuri, longhi e curti/ arrispunnunu cchiù forti…semu tutti divoti tutti…/ Ma ‘na vuci tra la fudda…si fa largu e acchiana jauta…/è la vuci di Catania: Cittadiniiiii….Evviva Sant’Aita!!!

                                             * Tratta dalla Silloge: " Cchiù luntanu di 'na stidda".

 

Leggi tutto: SANT'AGATA: UNA POESIA DEDICATA ALLA SUA FESTA

"LA ME CONA" di Antonino Bulla

Share

            

               LA REDAZIONE DE "IL PRISMATICO" AUGURA AI LETTORI UN CALOROSO E SENTITO

 

                                                      BUON NATALE!

 

        E Dedica una delle più belle poesie scritte del poeta Antonino Bulla

        ( Adrano 1914-Catania 1991)  nel corso di un Natale del suo tempo.

 

           LA ME CONA

         Quattru nnocchi d’aranci e mannarini,

        una cu n’autra mittuti a catina,

      pari ca fannu di virdi di pratu

     tuttu l’artaru di cartavillina,

  mentri di supra, la lumera china

            misa facci cu facci a lu Bamminu,

jnchi di luci lu ferrufilatu

          di spini sparacogni cummigghiatu.

         Non c’è tantu granchè, ma la me cona,

    è la chiù bedda cona ca ci sia,

    pirchì, siddu parramu di Natali,

    Gesù Bamminu, Re di la natura,

    nasciu puvureddu comu a mia.

                                          Antonino Bulla.

 

Traduzione(*)

Quattro fiocchi d'arance e mandarini/ una sopra l'altra incatenati,/sembrano fare di verde prato/tutto l'altare di cartavelina,/mentre di sopra, il lume pieno/messo di fronte al Bambinello/ riempie di luce tutto il fildiferro/di spinoso asparago coperto./ Non è granchè ma la mia Cona,/ è la più bella Cona che ci sia,/perchè se parliamo del Natale,/ Gesù Bambino,Re della natura,/ e' nato poverello come me./

 

(*) La traduzione è a cura di Santo Privitera

Informazioni aggiuntive