Moda Costume e Società

BARRIERA: CONCLUSI I FESTEGGIAMENTI IN ONORE DELLA MADONNA S.M. DEL CARMELO

Share

I festeggiamenti dedicati alla Madonna del Carmine, a Barriera, quest’anno sono stati particolarmente intensi. Il bilancio finale non può che essere considerato positivo. La comunità parrocchiale della chiesa più antica del quartiere(risale al 1940) guidata dal parroco don Alfio D’Aquino, nell’anno Giubilare della Misericordia, infittendo il “Giro” e presentando alcune novità di rilievo così come ha fatto, ha reso i festeggiamenti piu’ fluidi e spettacolari. Il percorso della processione, variato, ha toccato quasi tutte le vie principali. Nel corso del triduo, oltre ai momenti di preghiera, agli omaggi floreali e allo scampanio dei bronzi, sono seguiti fuochi pirotecnici e l’esibizione della Banda musicale “Giulio Virgillito” di Catania che ha accompagnato il corteo con un ricco repertorio di musiche. L’iniziativa che ha incontrato maggiore gradimento è stata però il coinvolgimento della Parrocchia del Sacro Cuore. Una decisione,questa, che non ha precedenti nella secolare storia dei due suggestivi luoghi di culto Barrieroti. Il momento più suggestivo si è avuto proprio Sabato 16 luglio, allorquando  il Fercolo col Simulacro della Madonna del Carmelo è stato accolto con grande giubilo nel cortile dell’Oratorio Salesiano. “Un’occasione-ha precisato don D’Aquino durante la Concelebrazione della Santa Messa con Don Nello Ausini, servita a unire simbolicamente, nel giorno della festa che come sappiamo e’ molto sentita dai fedeli, le due Parrocchie più antiche e attive del nostro popoloso quartiere”.  

 

Nella Foto, La concelebrazione della Santa Messa nel cortile dell’Oratorio Salesiano di Barriera.

 

 

 

SINTITI CHI VI CUNTU(3)

Share

 Cari amici, con grande sorpresa ed una certa dose di credo-non credo; vero- non vero; è sicuro – non è sicuro; capitò - non capitò mi accingo a farVi  partecipe di  un avvenimento occorso qualche tempo fa e di cui sono venuto a conoscenza solo recentemente. Si tratta di un documento unico recapitatomi da un mio affezionato e sempliciotto amico

Il testo recita:

 

Leggi tutto: SINTITI CHI VI CUNTU(3)

L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI O...DEI MOCASSINI

Share

L’albero degli zoccoli non è il famoso film diretto nel 1978 dal regista Ermanno Olmi, ma il pino marino del “Parco Zammataro” a Barriera del Bosco. Non possiamo definire questo luogo “Unni ci lassau ‘i scappi ‘u Signuri”. Anzi. Auto e moto scorazzano ad altissima velocità, il baccano è quindi assicurato. Da questo albero, uno dei tanti di cui è ricco quest’angolo di verde che tanto verde non è(visto com’è ridotto), pendono dai rami calzature di ogni tipo. Sono “Scappi vecchi ‘da fera” si dice a Catania, ma ancora buone a vedersi. Ce n’è per tutti i gusti e di tutte le misure. Sono ben allacciate tra loro. Furono calzate, questo è certo. Ora fanno bella mostra di sé in dondolante posa artistica. Di tanto in tanto qualcuno ne arraffa un paio forse perché lo ritiene un peccato lasciarle consumare in quella innaturale posizione. Che importa se sono di secondo o di terzo piede? “Ogni lassàta è piddùta”(tutto ciò che si lascia è perso). Una nuova moda? Bisognerebbe chiederlo a chi l’ha…lanciata. Adesso qui a Catania tale pratica rischia di diventare virale. Prima nei cavi elettrici stesi da un capo all’altro degli antichi palazzi del Centro storico, ora negli alberi. Il bello è che insieme alle scarpe volano le fantasie più colorite: “Pippu, ‘a vidisti dda scappa co’ taccu a spillu!!? Risposta: ‘a visti! a visti!....’u sacciu chi mi vo’ diri!!  Ma sono proprio gli zoccoli a mancare; abbondano invece sandali, ciabatte, stivaletti, mocassini e quant’altro. Scarpe per uomo, donna e bambino. Quando alcuni modelli periodicamente spariscono, eccone altri. E’ un continuo rimpiazzo. Ultimamente sono state avvistate zeppe in gran quantità. Un paio di raffinate “ballerine”

 

Leggi tutto: L'ALBERO DEGLI ZOCCOLI O...DEI MOCASSINI

POESIA: LA STORIA DI...."LA PANSA"

Share

Un'accoppiata inedita al Centro culturale "V.Paterno'-Tedeschi": Il poeta Gaetano Petralia(autore della spassosa lirica) e il fantasista Angelo Ursino.


SINTITI CHI VI CUNTU(2)

Share

M’arrizzaru li carni” cerco di chiarire e di chiarirmi “attisicai” nel leggere un articolo riportato in diversi quotidiani e rotocalchi ove si è tirato in ballo “l’ancileddu di passaggiu ”Mi spiego: in data 17.3.2016 a qualche ( fortunatamente) tifoso dello Sparta Praga è venuta in mente la inqualificabile idea di urinare su un povero mendicante o vagabondo, che dir si voglia, mentre costui se ne stava sdraiato in un angolo senza dare alcun fastidio e sperava soltanto di racimolare qualche euro per la sua sopravvivenza. Forse nella espressione inqualificabile qualcuno avrà qualcosa da ribadire, infatti sono stato molto cauto e generoso, ma non mi sento di usare termini scurrili proprio su codesta rubrica. Capisco che ciascuno di voi lettori si sta chiedendo cosa centra “ l’ancileddu”. Arrivo al dunque e svelo l’arcano: Mia nonna, che adoravo ed alla quale devo molto per tanti motivi, mi diceva: Nun diri vastasaggini  picchì su passa l’ancileddu t’arresta a vucca aperta e bluccata pi sempri”. Io credulone e nello stesso tempo timoroso in sua presenza mettevo la mano dinanzi alla bocca quando qualche espressione colorita mi scappava E se in quella occasione fosse passato per Roma “ l’Angileddu” come la mettiamo? o avrei gioito.

Leggi tutto: SINTITI CHI VI CUNTU(2)

Informazioni aggiuntive