SINTITI CHI VI CUNTU(9)

Share
Al controllo della valigetta porta documenti l’addetto si lascia scappare una espressione colorita
che così recita: ” inghisi tutti sti catti”? “ Ma lei chi ci pari ca cà semu o tribunali?”
Chiama il capo posto il quale mi riconosce subito e si fa una fragorosa risata dicendo: “ Fallu passari ca chistu che catti javi troppa cunfirenza mentri nuautri nun li suppurtamu”.
Mi trovo all’avamposto  Per motivi di lavoro perché un funzionario impossibilitato di venire allo studio a causa di un ininterrotto servizio, mi ha chiesto di passare io a fargli firmare dei documenti la cui scadenza era prossima ( non è la prima volta che me lo chiede!).
Dopo avere esperito l’incombenza e poiché sono conosciuto, dice sempre il capo-posto, non mi
scalianu nautra vota ed esco, devo dire, sollevato.
Mi trovo fra la strada ed il portone sito in P.zza Lanza n.  o carciri novu tantu pi capirici, na jamma intra e nautra fora, quando una voce scgradevole e stridula cosi mi giunge: “ e chi è t’attaccanu”?
Era il lestofante che con mazzo di fiori in mano mi ha parlato ad alta voce, tanto che qualche
passante si è girato curioso  a guardare.
Mi cascau a facci ‘nterra; non avevo come reagire se non con l’indifferenza e facendo finta che l’espressione non era a me diretta. Poi mi accorgo dei fiori che cercava in tutti i modi di nascondermi. 
“Jachinu, ma sti ciuri pi cu sunnu!!?? non mi diri ca sunnu pi Santuzza! Idda, che io sappia, è allergica; tant’è che a casa tua non esiste un vaso con dei fiori perchè lei starnutisce continuamente: l’ultima volta che sono venuto a trovarti, mi pare sei anni fa, ho portato dei fiori che sono finiti fra i rifiuti”.
Lo strampalato balbetta, si confonde, s’inceppa poi dice: “ ma chi t’haia dari tuttu su cuntu?
A mbrisa ca non mi pozzu accattari mazzu di ciuri pi cuntu me?” “Jachinu o cuntaccilla   a Tofulu; comunque se tu dici che la cosa non mi riguarda, non pipitiu chiù”. Forse per sviare il discorso mi dice: “Senti, a sai sta brutta notizia? … Biancu si voli prisintari nautra vota all’elezioni ppi sinnucu?” Cerco di non dare importanza al quesito ma il lestofante incalza: “Ma non ci abbastau tuttu u dannu c’ha fattu? ancora c’attruzza? U viristi chi cumminau co Tunnu Giueni, co palazzu Bernini, ca munnizza strata strata e non sapi chi pisci pigghiari iddu e l’autru beddu spicchiu di          l’ assissuri D’Agata ca non havi cognizioni di nenti; u scandulu de mazzetti ca si pigghiaru i collaboratori e iddu non ni sapeva nenti. Quannu non ci cummeni non sapi nenti;  quannnu inveci è o cuntrariu, fa e sapi tuttu iddu. Non so come dargli torto, non riesco a trovare un benché minimo appiglio, sono disorientato ed imbarazzato di cotanta rabbia”. Noto con apprensione che gli esce la bava dalla bocca ed in mente mia gli do’ ragione a iosa. “Iu avevu na nanna ca si chiamava Ajtina, ca mi cuntava tanti aneddoti ( ogni tanto sfodera qualche vocabolo ricercato), proverbi e abitudini antichi; e su fussi ora prisenti, a sta notizia ‘u sai chi dicissi:  Chi mala nova, ma picchi nun ci leva manu, ca fussi megghiu pi iddu e principalmenti pi nuautri” Ho timidamente obiettato: Forse non hai notato che al tondo Gioeni sta facendo erigere un grande muro tipo “Sacrario di Redipuglia” ove le acque piovane d’inverno, probabilmente, ricreeranno la stupenda cascata dell’Acqua o linzolu” di P.zza Duomo, quasi a specchiari, sperando ovviamente che le piante allocate non li troveremo trascinate proprio in piazza Duomo. Anzi ti dirò che proprio quelle piante sopperiranno (anche se in minima parte) al grandissimo inquinamento che gli automezzi producono in quel vergognoso tratto. “Minchs chi parri difficili: sopperiranno,sopperiranno ma quannu mai, iu sugnu cunvintu ca tu a penzi comu a mia e nun mi duni saziu. Ti salutu.” Ha elaborato, sistemato, periziato e perfettamente indovinato il mio pensiero. Ma nun mi castiu.

 Vostro Nunzio

     
 

Informazioni aggiuntive