Terrarium. La natura che arreda.

Share

 

Complemento d’arredo naturale, il “terrarium” è un modo economico per portare il verde in casa e arricchire di ricercatezza anche gli angoli più remoti di una stanza. Di facile realizzazione, può essere allestito con elementi agevolmente reperibili sul mercato.

Un contenitore o un vaso di vetro, della forma e dimensione che più aggrada (anche reciclando vecchi barattoli), sono la base di partenza per creare un risultato d’effetto. Dentro il recipiente scelto si disporranno “a strati”, i sassi, anche colorati, a cui verrà aggiunto il carbone attivo per mantenere salubre l’aria al suo interno, il terriccio e infine le piante scelte, rigorosamente con cura, disposte delicatamente aiutandosi con pinze e cucchiaio, cercando di “tappare” eventuali buchi e di coprire interamente le radici. 

 

Prima di inziare ad allestire l’opera, scegliere il tipo di terrarium in cui cimentarsi secondo le esigenze, il gusto personale e i fattori ambientali della stanza. Si può scegliere di arredare una casa con un “terrarium tropicale”, in questo caso si opterà per delle piante che hanno bisogno di un clima caldo umido, un “terrarium desertico”, per specie che vivono bene in un clima caldo, secco e arido o ancora un “terrario temperato” per piante che amano il clima umido.

Per un allestimento ottimale del terrarium la scelta delle varietà di piante da inserire è fondamentale e dipende molto dalle dimensioni del vaso e dal tempo per la cura che si ha a disposizione.

Per un terrario “classico” le piante grasse e di piccole dimensioni sono l’ideale, mentre bisognerebbe evitare l’inserimento simultaneo di quelle specie che hanno bisogno di terreni e condizioni ambientali disomogenee. Perfette l’uso di cactacee che prediliggono l’ombra e sopportano bene l’umidità, come felci e i muschi. Vanno bene anche le succulente, ma non insieme alle felci.

Per un terrarium tropicale si possono scegliere piante come Ficus, Dracaema e Muschio vivo, per quello desertico sono consigliate quelle carnose di Aloe, Gasteria e Sansevierina. Infine, per un terraio temperato sono perfette le specie Echeveria, Scindapsus e Adiantum.

 Silvia Calanna

Informazioni aggiuntive