SINTITI CHI VI CUNTU(6)

Share

“Nun mi castiu!”. Ho il telefonino in vibro, sono in riunione e rifiuto la chiamata, poi spengo.

Dopo un’ora abbondante spulcio le chiamate e come da mia buona abitudine richiamo in ordine di arrivo i numeri in sovraimpressione, non l’avessi mai fatto: fra le tante chiamate c’era a so’.

Era lui che ha chiamato: L’impenitente.

“Ci ni mittisti di tempu pi richiamari”, è il commento che dall’altro capo arriva.“Macari unu javi l’urgenza di parrariti e tu co’ to’ comudu… e quannu ti dici a testa. Bell’amicu!”

Sono paziente stamani, penso ancora a mia moglie che uscendo di casa dopo il caffè mi ha abbracciato,( megghiu di nenti) e mi ha augurato buona giornata; quindi la prendo  alla leggera e con filosofia.

La quantità di carte e di cartelle esattoriali  giacenti sulla mia scrivania fanno brutta mostra di per se’ e quindi per straviarimi tanticchia acconsento al dialogo.

“Jachinu finisti di sdilliriari o ancora c’è u restu? famnmi sapìri ‘u mutivu della tua graditissima telefonata, anzi siccome era da tempo che non lo facevi eru macari ‘mpinzeri!”

“U capii non ti poi mettiri cu mia;  su voi ti chiamu chiù tardu o dumani.” “Ma quando mai!  ….parla, ma di fretta per favore!”

“Allura ascuta: Me figghia po’ me cumpliannu m’arialau ‘u telefuninu di ultima ginirazioni (idda dici).”

“A propositu: ….fici u compliannu, e l’unicu ca non mi fici l’auguri fusti tu.” “Su fu po’ rialu ca ti privasti, u sai ca non ci tegnu.”

In effetti l’avevo scritto sulla mia agenda, ma dato i tempi che corrono ho preferito dimenticarlo:

“Tantu a mia chi mi ni f…. f rega di chistu!”

L’energumeno continua; “ora ju eru abituatu ca vireva i nummira e facevo la telefonata: squillava

e rispunnevu, poi ‘u chidevu e buona notte! Ora no!... cu chistu mi pattunu l’occhi: strisciu u jitu e cumpari ‘u manicomiu; cumparunu cosi tunni, quadrati,rettengulari ….m’ammaraggiu praticamenti.”

“Alt fermo Jachinu, non mi venire a chiedere di spiegarti il funzionamento di questo arnese picchì mi rifiutu in assoluto. ….Iddu ca non quagghia, ci vulissi macari chistu.”

“Ma su non mi fai mancu parrari”. … “Parla!”

“Allura unni erumu ghiunti?” “Nelle icone”, rispondo.” Unni!!!?, chi significa nelle icone?” “ Le icone sono quei simboli che non ti sai spiegare e fanno parte integrante dello schermo iniziale e sulle quali tu devi appoggiare l’indice al fine di aprire o collegarti al sito che scegli.”

“Ming…si chi si difficili,.. quannu parri ni sacciu chiu picca di prima. Comunque pusàmula leggia leggia;  e si mi fai a cortesia di dirimi chi è stu vozapp ca me figghia s’ha puttatu a testa dicennimi ca è indispinsabili….”

Ma come glielo spiego a questo cos’è il WhatsAp?  Ma tutto a me questo tizio deve chiedere?

“Non ci n’havi chiù ‘ntrinsichi?” Brontolo e mi sente. “Chi dicisti?”

“No nenti, na cosa mia.”

“Poiché è superfluo andare ad indagare sul significato letterale della parola, ti faccio un esempio:

Metti ca si intra 'na stanza e ci sunnu cincu o sei amici tutti a giru o attornu na tavula apparecchiata, oppure ‘nta salottu che jammi accavallati e co’ bicchieri di brandy ‘nde manu: tu chi fai?”

“Chi fazzu!!!?, …ca discurru, m’addimuru; cu rici na cosa e cu n’autra; cu va avanti a fissarii pi passa tempu.”

“Bravo, bravissimo…. hai accentrato l’argomento: chistu è il WhatsAp oppure vozap come tu dici.

Praticamente si crea un gruppo di amici memorizzando il numero di telefono di ciascuno si dà il nome al gruppo in modo  che alla connessione si può parlare ed ascoltare tutti insieme.

Può succedere anche che quando stai in compagnia di tua moglie e vi scambiate qualche effusione di troppo, i componenti del gruppo possono con voi interloquire.

Sogghigno in silenzio, m’intuppu a vucca, gli sto mettendo ansia con codesta bugia, ma poi credo che capirà lo scherzo.

Invece arriva la risposta:

“Ma picchì non vi faciti fari ‘mpociu tu e me figghia:…ancora ascutava! Ora ‘u jettu a mari!”

Fine del colloquio, chiude la comunicazione.

Ma nun mi castiu!   

Vostro Nunzio

 

 

Informazioni aggiuntive