SINTITI CHI VI CUNTU (n.7)

Share

Il gomito sinistro appoggiato sul ripiano dell’ amata mia scrivania mi sorregge la testa tramite la

mandibola, guardo con sgomento la montagna di carte che si erge a destra, sull’angolo della stessa.

Penso e mi dico “ mi fingiu pazzu e ci dugnu a focu”, no megghiu 'i pottu a differenziata almeno accucchiu pi sgàvitu. Ora pigghiu 'u tritacatta...ca fossi 'e megghiu.. accussì non sinni parra chiù!

Sobbalzo, avevo messo il telefonino appoggiato sulla mensola allocata dietro la mia testa e

questo maledetto aggeggio squilla e squilla esageratamente forte.

Rispondo senza guardare il mittente, era megghiu ca 'u taliava 'nveci!

“Ma chi si suddu?? javi menz’ura ca chiamu e nuddu m’arrispunni; sta segretaria picchì na licenzi?... ti mangia i soddi e mancu arrispunni o telefunu”.

Siamo in pausa pranzo ed io invece rimango in ufficio per espletare una pratica urgente e magari

per esitare qualche arretrato.

Intuisco di chi si tratta, e questo mi distoglie dai propositi che stavo maturando.

“Senti t’haia parrari: pozzu veniri”?

Ci mancava proprio lui. Ed io di rimando:

“Ascutimi facemu ca ni viremu alle 19,30 quando non c’è più nessuno che ci disturba, speramu!

La speranza poi si è rivelata vana, c’è sempri chiddu di l’ultimu minutu ca ti dici: “E’ n’attimu,

m’arrivau sta catta e nun capisciu chi è”

Il malvagio arriva puntuale, trafelato e bagnato comu ‘npuddicinu.

Ed esordisce: “Sugnu cunvintu ca tu sta cosa a sai; ci misi 'na scummissa cu me cumpari di San Giuvanni, ca m’arrialau a grasta di bacilicò”.

“Ju dicu ca si fà e iddu dici ca nun si fa”.

“Jachinu ma di cosa stiamo parlando?”

“Ca do' ponti supra u strittu di Missina no!!?? e allura picchì sugnu ca? Secunnu tia comu mai doppu tant’anni cu rici si e cu rici no? Sempri i nostri soliti cosi; inutili ca ci furriamu attornu.

“Però pi fari ju bona figura, mi l’ha cuntari precisa m’arraccumannu”.

Ora comprendo e tiro fuori tutto il mio sapere (molto modesto in verità).

Per la realizzazione io ne ho fatto una questione di principio e sinceramente l’ho seguita con una certa attenzione per cui mi posso azzaddari.

“Devi sapere che dell’argomento ne hanno fatto il cavallo di battaglia una sequela di uomini politici ultimamenti macari il presidente del consiglio da poco dimissionario”.

Ne ottengo una considerazione: “Si ma 'u sai, chistu mi pari annicchia spacca e lassa”

“Zitto non mi interrompere perche sennò perdo il filo. Il progetto risale ai tempi delle guerre puniche e se dobbiamo credere a Plinio fu proprio Cecilio Metello che allocò una serie di botti, non so se in rovere o castagno, sulle acque dello stretto per permettere la traversata agli elefanti ca ci f…ttiu ai cartaginesi.”

Una risata fragorosa e forse anche sfottoria è uscita dalla gola dell’ereticu.

“Ma chi mi stai ricennu Nunziu: mi pigghi pi fissa ( o po c.)”?

Posso continuare? “Stu progettu caru miu risale a li tempi di li canonici di lignu, quannu li sacristani erunu di stagnu”.

“Allora, a seguire c’è stato l’interessamento di Carlo Magno, Ferdinando II di Borbone, Benito Mussolini e saltando i tempi lo voleva Salvatore Lauricella di Ravanusa prov. di Agrigento

da non confondersi con Ravanusa di San Giov. La Punta ca addiventa ad agosto di ogni anno un

zagariddaru a beneficio del prete”.

Per continuare abbiamo Claudio Signorile che affermò: "avremo il ponte entro il 1994! " rissi; ma Craxi lo allungò di un anno 1995. Fu poi fu la volta di D’Alema, Rutelli e Prodi; quest’ultimo fece le previsioni di quanti minuti avremmo risparmiato per l’attraversamento in auto,treno e così via; per poi far naufragare le nostre speranze il lungimirante e insulsu Monti ca scicau 'u cuntrattu.

Ora spunta fuori che Renzi attruau a copia conforme.

Mi piace riferirti una frase sentita a mo' di sfottò: "Co' ponti fattu, i masculi do' mediterraneo vannu 'a truvari a zita calabrisa macari a pedi" (modo di dire); ma accomarora si peddunu da casa.

“U sinnucu di Missina è cuntrariu e no sapi mancu iddu picchì” ( io un’idea ce l’avrei).

Per dirtela tutta, qualche anno fa Peppe Grillo ha collegato idealmente le due sponde con una

salubre ( sic!) nuotata: ma forse pigghiau troppa jacqua e s’abbabbuniu”.

“ Mizzica, ti ni isti troppu luntanu: ma allura doppu tutta sta furriata ca facisti e ca m’azzannasti u ciriveddu, secunnu tia cu vinci ju o me cumpari di San Giuvanni”?

Lemme lemme gli accarezzo la spalla sinistra ed amichevolmente gliela strattono dicendogli:

“Miu diliziusu amicu fraternu: ' a viru janca!!! sta scummissa nun la po’ vinciri ne tu ne iddu. picchi fra cent'anni ni tunnamu ancora parrari!!! ….Ma ci campamu di cca a tannu!!? "

L’avrò convinto? Non credo.

Ma nun mi castiu!

Vostro Nunzio

Informazioni aggiuntive