Scienze, Tecnologia, Medicina, Alimentazione.

IL CAVOLFIORE

Share

I benefici di questo ortaggio sono veramente tanti da superare il tipico cattivo odore che libera quando lo si cucina. Il consiglio è portarlo in tavola almeno 2 volte a settimana perché, essendo ricco di iodio, stimola la tiroide e tutte le funzioni dell'organismo, oltre al metabolismo. Fa bruciare velocemente gli zuccheri dunque è utilissimo per chi deve mantenere il peso corporeo sotto controllo.

Leggi tutto: IL CAVOLFIORE

TECNOLOGIA E PELLE

Share

Forse non lo sai, ma i nostri compagni di ufficio e svago causano con il loro "calore" problemi alla pelle. Smartphone, tablet, notebook sono sempre più mini nei formati ma potenti nelle prestazioni. L'inquinamento elettromagnetico, oltre a contribuire all'aumento dello stress, dei disturbi al sonno e dell'irritabilità, può causare danni alla pelle.

  

Leggi tutto: TECNOLOGIA E PELLE

LA CALCOLOSI BILIARE

Share

La calcolosi della Colecisti della via biliare accessoria è caratterizzata dalla presenza di formazioni dure simili a sassi, di dimensioni variabili da pochi millimetri a qualche centimetro, all'interno della colecisti (o cistifellea). Questi possono dare origine a spasmi e coliche addominali e, nei casi estremi, ittero. La calcolosi della Colecisti è una malattia assai frequente, presente nel 10-15% della popolazione adulta. La sua diffusione è maggiore nel sesso femminile con un rapporto di 4 ad 1 rispetto ai maschi e si associa spesso a gravidanze multiple, obesità o dimagrimenti importanti. Ad oggi non esistono farmaci in grado di curare la calcolosi della colecisti se non in minima parte.

Leggi tutto: LA CALCOLOSI BILIARE

IL MANDORLO

Share

Il mandorlo (prunus dulcis Miller) è una pianta originaria dall'Asia sud occidentale, quello selvatico del Mediterraneo orientale e Cina... venne introdotto in Sicilia dai Fenici (i Romani lo chiamavano noce greca), dopo di che si diffuse in Francia, Spagna e altri Paesi mediterranei, in America giunse nel XVI secolo.

Il frutto del mandorlo selvatico contiene glucoside amigdalina che si trasforma in un veleno mortale (acido cianidrico). Dopo la coltivazione e il lavoro di innesti, i frutti del mandorlo divennero finalmente commestibili. Secondo gli studiosi fu una delle prime piante da frutto a essere coltivata. Un esempio archeologico: i frutti trovati nella tomba egizia di Tutankamon(1325 a.C.) E' una pianta riverita in molte culture e citata più volte nella Bibbia. Simboleggia la promessa precoce poichè fiorisce in primavera.

Leggi tutto: IL MANDORLO

Rischio sismico, siamo pronti?

Share

 

terremoti

 

"Durerà ancora a lungo il periodo sismico conseguente alle scosse registrate in questi giorni". A dirlo, in queste settimane, è il sismologo Alessandro D’Amato dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Dopo i danni irreparabili registrati in Emilia, la paura resta e contagia tutta l’Italia. Sono anni che i geologi continuano a dirlo "ci interpellano solo a tragedie avvenute" e se "i terremoti non possono essere previsti", è anche vero che la prevenzione rimane l’arma vincente per ridurre i danni. Prevenzione che in Italia, soprattutto al Sud, è carente, complice la presenza di vulcani attivi e terreni ad elevato rischio idrogeologico, come nella parte orientale della Sicilia. Ma sotto l’occhio del mirino dei geologi al sud non c’è solo la nostra regione ma anche la Calabria, la Toscana e la Campania.

 

 

Leggi tutto: Rischio sismico, siamo pronti?

Informazioni aggiuntive