MANGIAMO TANTA ANGURIA!

Share

La natura ci offre un frutto succoso e rinfrescante proprio al momento giusto quando, a causa del caldo, il nostro organismo ha bisogno di maggior apporto di liquidi e sali minerali. L'anguria è in effetti uno dei frutti più dissetanti e gradevoli dell'estate. I benefici che può apportare sono davvero moltissimi e insospettabili.

L'anguria o cocomero appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, come il melone, il cetriolo e la zucca, ed è in assoluto il più ricco di acqua (92%). Due fette di anguria corrispondono a un bicchiere d'acqua, per questo è un alimento idratante, depurativo e disintossicante. Inoltre, al contrario di quanto si crede, apporta pochi carboidrati nonostante il contenuto di fruttosio e contiene proteine, fibre, minerali (sodio, potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro) e vitamine del gruppo A - B - B6 - C, oltre a dosi minimissime di grassi. L'anguria fornisce solo 15 calorie per ogni 100 gr. ed ha un valore nutrizionale che ne fa un ottimo compagno nelle  diete dimagranti, si assume preferibilmente a colazione o come spuntino. Come il pomodoro e gli altri vegetali di colore rosso contiene molti carotenoidi, che aiutano a combattere l'invecchiamento delle cellule. Tra le sue virtù c'è anche quella di rafforzare il sistema immunitario e di prevenire diversi tipi di tumore. Grazie a queste sostanze benefiche essa rappresenta un rimedio naturale contro il colesterolo e l'anemia e, grazie alle sue proprietà diuretiche, favorisce la depurazione dei reni. Il suo contenuto di betacarotene aiuta a idratare e disintossicare la pelle, soprattutto quella del viso. In gravidanza l'anguria non espone al rischio di toxoplasmosi e aiuta la donna in dolce attesa a sopportare meglio il caldo. Frutto ideale soprattutto per gli anziani.

 Ma ci sono poche regole da seguire per il suo consumo:

- meglio non mangiare l'anguria dopo i pasti principali, potrebbe risultare indigesta e provocare gonfiori, meglio assumerla lontano dai pasti o, al massimo, dopo un pasto leggero.

- non è consigliabile in dosi eccessive a chi soffre di colon irritabile o gastrite, e i suoi semi ingeriti hanno un effetto lassativo e/o irritante per l'intestino.

- chi è allergico ai pollini o alle graminacee deve prestare attenzione, l'anguria contiene dosi di istamina che possono scatenare reazioni allergiche.

Informazioni aggiuntive