BACCHE DI GOJI

Share

Le vediamo ormai da qualche anno sui banchi di tutti i supermercati, di ortofrutta, negozi bio, parafarmacie. Sembrano essere sbucate dal nulla ma è bene imparare a conoscerle meglio. Le bacche di Goji sono piccoli frutti rossastri del Lycium barbarum, una pianta della famiglia delle Solanacee di origine esotica. Nel sapore ricordano quello dei mirtilli o delle fragole. Come risulta da numerosi studi però sono un vero e proprio concentrato di sostanze benefiche. In primo luogo sono ricche di polisaccaridi dunque danno energia, aumentano la resistenza alla fatica, migliorano il tono dell'umore, la qualità del sonno e la memoria. Contengono poi gli antiossidanti che prevengono e rallentano l'invecchiamento cellulare, della pelle e della vista. Sono presenti anche i flavonoidi, sostanze utili per il corretto funzionamento del fegato, del sistema immunitario, dei vasi sanguigni e dei tessuti, quindi proteggono dalle malattie cardiovascolari e neurodegenerative, oltre che dal diabete, allergie e osteoporosi. Non mancano inoltre gli omega 3 e 6 che tengono sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi. Infine contengono potassio, magnesio, fosforo, manganese, cromo e germanio che aiutano a contrastare artrite reumatoide, ipertensione e allergie. 

 

Le popolazioni che le consumano da sempre (himalayani, nepalesi, mongoli) sono tra le più longeve e meno soggette a malattie. Se ne dovrebbe fare un uso quotidiano di frutta fresca ma da noi queste bacche vengono vendute essiccate, in succhi concentrati, in capsule e barrette energetiche. Se si acquistano essiccate bisogna prima farle reidratare in acqua tiepida per 10 - 15 minuti. Sono ideali a colazione con latte e cereali o yogurt e frutta secca. Possono essere aggiunte negli impasti delle torte e sono ottime per preparare marmellate. La dose ideale per un adulto è 30 grammi al giorno l'equivalente di tre cucchiai rasi. Per i bambini le dosi diminuiscono. Per vederne gli effetti bisogna assumerle a cicli di 3 - 4 settimane con intervalli di altre 3 - 4 settimane. Scegliere le qualità che riportano la dicitura (essiccate al sole) sono quelle che mantengono inalterate le loro proprietà. Nei succhi concentrati ovviamente l'azione dei princìpi attivi risulta attenuata.

Attenzione però alle sue interazioni con diversi farmaci. In special modo con gli anticoagulanti e con i farmaci regolatori di pressione arteriosa e diabete. Se si seguono terapie del genere è indispensabile chiedere il parere medico prima di usare questi frutti. Sono altamente sconsigliate a chi è allergico al pomodoro, potrebbero provocare crisi respiratorie, orticaria, nausea e capogiri.   

Informazioni aggiuntive