Storia e tradizioni popolari

LE SACRE RELIQUIE DI SANT'AGATA

Share

“Sant’Agata di Mezz’agosto” e’ la Festa che celebra il ritorno delle sacre Reliquie agatine da Costantinopoli a Catania dopo 86 anni di forzato esilio. Il furto era stato perpetrato dal generale Bizantino Maniace nel 1040 quale bottino di guerra, e solo nel 1126 le sacre Spoglie tornarono in patria grazie all’audace impresa dei due soldati Goselmo e Gisliberto. Tornarono “a pezzi” visto che i due militi per meglio trasportarle furono costretti a riporle nelle loro faretre. Partiti dal porto di Smirne, il viaggio verso Catania fu avventuroso. Così la cronaca ricavata dalla celebre epistola del Vescovo Maurizio. Oggi e’ possibile ammirare le sacre Reliquie solo durante i festeggiamenti Patronali, racchiusi nei loro preziosi astucci d’argento massiccio dorato sbalzato e cesellato. Sono sette: due contengono i femori, due le braccia con le mani, due le gambe con i piedi, una mammella. Il Sacro Velo e’ considerata l’ottava Reliquia mentre il teschio e il petto si trovano all’interno del Busto reliquiario che tutti conosciamo. Alla distanza di 60-80 anni l’una dall’altra, esse vengono sottoposte alla ricognizione canonica per verificarne lo stato organico. L’ultima risale al febbraio del 1963, sotto la guida dell’Arcivescovo Mons. Guido Bentivoglio. Il Cardinale Larraona delegato dal Papa compì l’operazione alla presenza delle autorità civili ed ecclesiastiche, del fabbriciere e del medico legale che stilò apposito rapporto. Andando indietro nel tempo, la prima ricognizione canonica avvenne nel 1376 allorquando l’artigiano senese Giovanni Di Bartolo consegnò l’attuale busto reliquiario. Poi nell’ordine: 1444, 1501, 1797, 1915 e, appunto, 1963. Dietro le recenti aperture del Sacello prima tassativamente precluso alla vista dei visitatori, potrebbe celarsi da parte delle autorità ecclesiastiche e amministrative  la volontà di esporre definitivamente al pubblico le sacre Reliquie per tutto l’anno. Una decisione che ha precedenti storici molto remoti. L’eventuale provvedimento innovativo potrebbe trovare i catanesi ancora impreparati a questa evenienza considerata fuori da ogni tradizione.

Nella foto, la cassa dove le Reliquie vennero deposte al loro arrivo a Messina. Vi rimasero sino al termine del XV sec. allorquando fu allestito il prezioso Scrigno.

PROVERBI PER 7 GIORNI(25)

Share

 

 

 

-CU VOLI BENI A DIU VOLI BENI 'E SANTI(Chi vuole bene ad un amico vorrà bene, a sua volta, anche ai suoi);

-AMARA DDA PECURA C'ADDARI 'A LANA(Disgraziata è quella persona che ha i suoi guai);

-CCHIU' PICCA SI PARRA E MENU SI SBAGGHIA(Parlare poco è la ricetta giusta per sbagliare il meno possibile);

-SIDDU LU BENI NON RITORNA A MALI NON SI CHIAMA BENI(Se il bene non viene reso a male vuol dire che non è autentico bene);

-QUANNU 'A FUTTUNA VOTA OGNI AMICU SI FA 'A RITIRATA(Quando dalla fortuna si passa alla sfortuna tutti gli amici fuggono);

-NUDDU TI PIGGHIA SI NON TI RASSUMIGGHIA(Le persone si scelgono perchè si rassomigliano);

-QUANNU NON SI 'NTISU A PRIMA VUCI VODDIRI 'CO RISCUSSU NON PIACI(Quando non sei ascoltato sin dalle prime battute vuol dire che il discorso non è piacevole);

 

PROVERBI PER 7 GIORNI(24)

Share

-ASINI E PICCIRIDDI DIO L'AIUTA(Dio aiuta sempre chi non ha malizia);

-'U SCECCU ZZOPPU SI VARISCI 'O STRATUNI(Se stai male, continuare la vita di sempre può farti guarire):

-CU CANCIA 'A VECCHIA CCA NOVA, MALI S'ATTROVA(Chi cambia le vecchie abitudini, rischia di peggiorare le cose);

-AMA CU T'AMA E CU NON T'AMA LASSILU(Ama chi ti ricambia l'amore, diversamente abbandonalo);

-CU VA ALLEGGIU ARRIVA, CU VA DI CURSA, NON SI SAPI(Vai piano che alla meta c'arrivi di sicuro);

-TANTU VA 'A QUATTARA ALL'ACQUA, FINU 'A CA SI RUMPI(La testardaggine può risultare letale); 

-ACCATTA SCECCU CENT'UNZI E NON 'CRETINU 'N SODDU(Meglio comprare un asino spendendo molto che non un cretino a basso costo);

 

PROVERBI PER SETTE GIORNI( 25)

Share

 

-CU NON HAVI LU CCHI FARI STA SEMPRI A CRITICARI(Chi e' sfaccendato sta sempre a criticare        gli altri);

-CU SI CUCCA CHE PICCIRIDDI, 'A MATINA AGGHIORNA PISCIATU( Chi si corica con i bambini,     di conseguenza,  al mattino,  si ritroverà bagnato della loro pipì);

-SU VO' CAMPARI L'ANNI DI LA CUCCA, SPADDA LINZOLA PICCA E SCAPPI ASSAI(Chi vuole                vivere lunga  vita deve dormire di meno e camminare di piu');

-FIMMINA PILUSA BONA VINTURUSA(La donna pelosa godrà di migliore fortuna);

 -GENIU FA BIDDIZZA(L'intelligenza rende gli individui più accattivanti);

-CU CHIANTA VIGNA E SCIPPA VIGNA, MAI

VINNIGNA(Chi impianta viti e poi li spianta, non           raccoglierà mai  i frutti per vendemmiare);

-SU VO' PASSARI LA VITA CUNTENTI STATTI LUNTANU 'DE PARENTI(Se vuoi passare la vita  contento, devi stare lontano dai parenti);

 

                                                                                           

PROVERBI PER 7 GIORNI(23)

Share

 

-I CHIACCHIRI SU CHIACCHIRI MA 'A PUTIARA VOLI I PICCIULI!

( Le chiacchiere sono chiacchiere, ma intanto l'oste vuole essere pagato)                                                                                                                                                

-SEGUI 'I CUNSIGGHI 'I LAUTRI MA 'U TO' 'NO LASSARI MAI

(Segui i consigli degli altri ma il tuo non lo lasciare mai);

- 'U MASTRU 'E' MASTRU...MA 'U PATRUNI E' CAPUMASTRU

 

( Il mastro e' mastro ma e' sempre il padrone  che comanda);

Leggi tutto: PROVERBI PER 7 GIORNI(23)

Informazioni aggiuntive