Storia e tradizioni popolari

PROVERBI PER 7 GIORNI(16)

Share

-OGNI PENA E OGNI DOGGHIA, PANI E VINU LI CUMMOGGHIA(Ogni pena e ogni dolore, pane e vino le nasconde);

-L'ACQUA VIVUTA DI MATINA E' SICURA MIRICINA(L'acqua bevuta la mattina è sicura medicina);

-CU S'ARRUFFIANA DAVANTI, TI SPARRA D'ARRERI(Chi davanti ti fa le moìne, di dietro ti sparla);

-A LU CAVADDU SICCU S'APPOGGIUNU TUTTI I MUSCHI(Sopra il cavallo debole e macilento, si appoggiano tutte le mosche);

-U SUPECCHIU E' COMU 'U MANCANTI(Troppa roba è lo stesso che niente);

-UNNI CANTUNU TANTI IADDI N'AGGHIONNA MAI(Dove cantano tanti galli regna la confusione);

-CU CANGIA 'A VECCHIA VIA PPI LA NOVA,PEGGIU S'ATTROVA(Chi cambia la vecchia via per quella nuova, peggiora le cose)

I DOLI 'DO SIGNURUZZU 2015

Share

        

Con la rappresentazione del dramma Sacro “I Doli ‘do Signuruzzu”, il Centro culturale “V.Paternò-Tedeschi” ha concluso al Castello Leucatia le manifestazioni dedicate alla S.Pasqua. E’ stata la Biblioteca “R.Livatino” a fare come sempre gli onori di casa. Nei giorni precedenti, la drammatizzazione della Morte e Passione di Gesù Cristo era stata messa in scena,per la regia di Gianni Sineri, nelle parrocchie S.M.Del Carmelo,(Canalicchio); S.M.Dell’Aiuto; S.Stefano(S.Giovanni Galermo) e al centro anziani di Lineri, a Misterbianco. Nel corso dei vari spettacoli, la presenza del pubblico è stata molto vasta ed emotivamente partecipata. Canti, nenie, lamenti, scene teatrali e commenti in dialetto siciliano, hanno scandito il cammino doloroso del Figlio di Dio sulla strada del  Golgota. Solo la lettura dei testi del Vangelo, affidata quest’anno alla giovane universitaria Veronica Distefano, è stata eseguita in Lingua italiana. La voce dolente dei cantanti Carmelo Filogamo e Gianni Sineri,

 

Leggi tutto: I DOLI 'DO SIGNURUZZU 2015

ANTICHI PROVERBI SICILIANI (2)

Share

-MARZU ACQUA E SULI CARICARI FA LI MULI (Marzo acqua e sole caricare fa i muli);

 

-'U FRIDDU DI MARZU SCORCIA 'A VECCHIA 'NTO IAZZU (Il freddo di marzo fa screpolare la pelle agli anziani perfino quando ne stanno a riparo);

 

-'U FRIDDU DI MARZU TRASI DINTRA LU CORNU DI LU VOI (Il freddo di marzo penetra ogni cosa);

 

-QUANNU TIRA FORTI VENTU, FATTI CANNA! (Quando spira cattiva aria, sii flessibile e non mostrarti troppo rigido);

 

-ARANCI, ARANCI, I VAI CU LI CUMMINA SI CHIANCI (Aranci, aranci, i guai chi li combìna se li pianga)

 

-QUANNU 'U PIATTU 'E' CHINU PO' MANCIARI DI SIRA A MATINU(Quando il mangiare non manca, puoi ingozzarti quanto vuoi)

ANTICHI PROVERBI SICILIANI

Share

- VO STARI BENI!!?...LAMENTITI! (Vuoi stare bene!!?...lamentati!);

-NIURU CCU NIURI, NON TINCI (Dipingere di nero il colore nero, non fa alcun effetto);

- 'U SAZZIU NON CRIDI 'O RIJUNU (Chi e' sazio non conosce i tormenti di chi sta a digiuno);

-CCU LA SIMENZA E CCU LI FATICHI, S'ARRICOGGHIUNU LI SPIGHI (Con le sementi e le fatiche si fa un buon raccolto);

-CU VENI APPRESSU, CUNTA LI PIDATI (Chi va d'appresso a qualcuno, non arriverà mai per primo);

-LU FIGGHIU TROPPU AMMIZZIGGHAITU, CRISCI PORCU E MALARUCATU (Il figlio troppo vezzeggiato cresce porco e maleducato);

Leggi tutto: ANTICHI PROVERBI SICILIANI

IL PIACERE DI 'NA BRISCULA

Share

Assittamini, facemini ‘na briscula! L’invito è di quelli che non si possono rifiutare. A coppia o in cinque, con o senza soldi, la cosa più importante è giocare. Quasi con entusiasmo, il Seggio si costituisce rapidamente e l’aspirante giocatore che ne rimane fuori, pur contrariato, per curiosità o per diletto assiste lo stesso alle varie fasi. Arriverà il suo turno. Nel frattempo si scherza, si commenta, si recrimina. A chi ha perso il giro, farsosamente viene imposto il rito del mazzo sotto l’ascella. Imprecando contro la sfortuna, talvolta il perdente butta le carte per aria: Non sapi peddiri! si dice. E’ sempre così. Fatta eccezione per i giocatori sfegatati, incalliti frequentatori di bettole o, peggio, di bische clandestine, il gioco delle carte è ancora oggi un rito  praticato in famiglia per puro passatempo. In certe stagioni dell’anno, come per Natale, giocare a carte fa parte della tradizione. Assieme al ceppo, al verde abete illuminato e al presepe, il mazzo delle carte siciliane non può mancare. Al tavolo da cucina, dopo la consumazione di un lauto cenone, per la gioia di adulti e bambini si comincia a giocare. Se a Sette e mezzo, al Piatto o alla Tombola, questo lo decidono i più piccoli. Con le loro colorite figure, con i loro simboli dal fascino cabalistico e misterioso, le carte siciliane

Leggi tutto: IL PIACERE DI 'NA BRISCULA

Informazioni aggiuntive