Storia e tradizioni popolari

ANTICHI PROVERBI SICILIANI (2)

Share

-MARZU ACQUA E SULI CARICARI FA LI MULI (Marzo acqua e sole caricare fa i muli);

 

-'U FRIDDU DI MARZU SCORCIA 'A VECCHIA 'NTO IAZZU (Il freddo di marzo fa screpolare la pelle agli anziani perfino quando ne stanno a riparo);

 

-'U FRIDDU DI MARZU TRASI DINTRA LU CORNU DI LU VOI (Il freddo di marzo penetra ogni cosa);

 

-QUANNU TIRA FORTI VENTU, FATTI CANNA! (Quando spira cattiva aria, sii flessibile e non mostrarti troppo rigido);

 

-ARANCI, ARANCI, I VAI CU LI CUMMINA SI CHIANCI (Aranci, aranci, i guai chi li combìna se li pianga)

 

-QUANNU 'U PIATTU 'E' CHINU PO' MANCIARI DI SIRA A MATINU(Quando il mangiare non manca, puoi ingozzarti quanto vuoi)

ANTICHI PROVERBI SICILIANI

Share

- VO STARI BENI!!?...LAMENTITI! (Vuoi stare bene!!?...lamentati!);

-NIURU CCU NIURI, NON TINCI (Dipingere di nero il colore nero, non fa alcun effetto);

- 'U SAZZIU NON CRIDI 'O RIJUNU (Chi e' sazio non conosce i tormenti di chi sta a digiuno);

-CCU LA SIMENZA E CCU LI FATICHI, S'ARRICOGGHIUNU LI SPIGHI (Con le sementi e le fatiche si fa un buon raccolto);

-CU VENI APPRESSU, CUNTA LI PIDATI (Chi va d'appresso a qualcuno, non arriverà mai per primo);

-LU FIGGHIU TROPPU AMMIZZIGGHAITU, CRISCI PORCU E MALARUCATU (Il figlio troppo vezzeggiato cresce porco e maleducato);

Leggi tutto: ANTICHI PROVERBI SICILIANI

IL PIACERE DI 'NA BRISCULA

Share

Assittamini, facemini ‘na briscula! L’invito è di quelli che non si possono rifiutare. A coppia o in cinque, con o senza soldi, la cosa più importante è giocare. Quasi con entusiasmo, il Seggio si costituisce rapidamente e l’aspirante giocatore che ne rimane fuori, pur contrariato, per curiosità o per diletto assiste lo stesso alle varie fasi. Arriverà il suo turno. Nel frattempo si scherza, si commenta, si recrimina. A chi ha perso il giro, farsosamente viene imposto il rito del mazzo sotto l’ascella. Imprecando contro la sfortuna, talvolta il perdente butta le carte per aria: Non sapi peddiri! si dice. E’ sempre così. Fatta eccezione per i giocatori sfegatati, incalliti frequentatori di bettole o, peggio, di bische clandestine, il gioco delle carte è ancora oggi un rito  praticato in famiglia per puro passatempo. In certe stagioni dell’anno, come per Natale, giocare a carte fa parte della tradizione. Assieme al ceppo, al verde abete illuminato e al presepe, il mazzo delle carte siciliane non può mancare. Al tavolo da cucina, dopo la consumazione di un lauto cenone, per la gioia di adulti e bambini si comincia a giocare. Se a Sette e mezzo, al Piatto o alla Tombola, questo lo decidono i più piccoli. Con le loro colorite figure, con i loro simboli dal fascino cabalistico e misterioso, le carte siciliane

Leggi tutto: IL PIACERE DI 'NA BRISCULA

ANTICA FILASTROCCA DICEMBRINA

Share

O’ quattru Barbaredda;

o’ sei, Niculedda;

all’ottu Cuncittedda;

o’ tridici Lucia bedda;

o’ vintunu S.Tummasu canta;

o’ vinticincu, la Nascita Santa;

o’ trintunu S. Silvestru Papa;

nesci lu misi, e trasi l’Annata.

 

PROVERBI NOVEMBRINI

Share

-PPI SAN MATTINU, OGNI MUSTU E’ VINU (Per San Martino, il mosto diventa vino);

-PPI TUTTI  I  SANTI, CAPPOTTU E 'NGUANTI (Per Tutti i Santi, usa il cappotto e i  guanti);

-DA SAN MARTINU A NATALI, OGNI POVIRU STA MALI (Da San Martino a Natali, ogni povero sta male);

-SU DI NOVEMBRE TRUNIA, L’ANNATA PIGGHIA  LA BONA VIA (Se a novembre il tempo è piovoso, l’annata sarà ricca);

-SI A NOVEMBRI NON HAI ZAPPATU, TUTTA L’ANNATA SARA’ STINTATA(Se a novembre non hai zappato la raccolta dell’anno sarà scarna);

Leggi tutto: PROVERBI NOVEMBRINI

Informazioni aggiuntive