Storia e tradizioni popolari

PROVERBIARIO(5)

Share

-'NTA 'MMUNNU DI ORBI CU AVI 'N'OCCHIU E' ' N'ACULA( In un mondo di ciechi, chi ha un occhio e' come se avesse la vista di un'aquila);

-'A MMEDDA CCHIU' S'ARRIMINA E CCHIU' FETI(La cacca, più si rimescola e più puzza);

-FATTA LA LIGGI SI TROVA L'INGANNU(Fatta una legge, si trova sempre il modo(legale) per evaderla);

-A LA SQUAGGHIATA DI LA NIVI SI VIRUNU 'I PUTTUSA(Quando si scioglie la neve, appare ciò che veramente ci sta sotto);

-COMU MI CANTI TI SONU(Ripagare con la stessa moneta);

Leggi tutto: PROVERBIARIO(5)

PROVERBIARIO(4)

Share

-DOPPU L'EPIFANIA, SANT'AITA E' 'NTRA LA VIA(Subito dopo l'Epifania, cominciano a Catania i Festeggiamenti in onore di Sant'Agata);

-L'ACQUA SI NNI VA 'NTA LA PINNENZA, L'AMURI SI NNI VA UNNI C'E' SPRANZA(L'acqua si si dirige lungo il pendio, l'amore si dirige dove c'è la speranza di uno sbocco positivo);

-CU NON FA NENTI, NON SBAGGHIA NENTI(Solo chi non fa niente non commette errori);

-A BON CAVADDU NON CI MANCA SELLA( A una persona di valore non mancano le opportunità);

-'A LIGGI N'AMMETTI GNURANZA(La legge è legge e tutti la devono conoscere: anche gli analfabeti);

-CU AVI LA CUMMIRITA' E NON SI NNI SEVVI, MANCU LU CUNFISSURI LU PO' ASSùVVIRI(Chi ha la possibilità di stare comodo e non ne approfitta, neanche il confessore potra' assolverlo);

-TANTU VA 'A QUATTARA ALL'ACQUA FINU CA SI RUMPI(Tutto è destinato a usurarsi; a maggior ragione ciò che in natura è fragile. Affrontare con mezzi inadeguati un problema, a lungo andare non ci sarà possibilità alcuna di risolverlo).

PROVERBIARIO(3)

Share

-'A LINGUA NON JAVI OSSA MA RUMPI L'OSSA(La lingua non ha ossa ma è capace di ferire);

-PRIMA DI PARLARE MASTICA LI PAROLI(Prima di parlare, rifletti bene a quello che dici);

-FAI BENI E SCORDILU, FAI MALI E PENSICCI(Fai bene e scordalo; il male che compi, ricordalo per evitare di farne altro);

-NON AMARE CHI T'AMA E GRAN PICCATU, AMARI A CU NON T'AMA E' TEMPU PERSU(Non ricambiare l'amore che ti viene dato, è un gran peccato; amare chi ti ignora, è una perdita di tempo inutile);

-TRI SUNU LI PUTENTI: 'U PAPA, 'U RE E CU NON JAVI NENTI( Tre sono le persone potenti: il Papa, il Re e chi non possiede nulla. I primi con i loro denari e le giuste conoscenze possono permettersi di tutto; i secondi, invece, nullatenenti, non hanno vincoli di alcun genere);

-MUGGHERI ONESTA, TRISORU CA RESTA(La moglie onesta è un tesoro che resta per tutta la vita).

  

PROVERBIARIO 2

Share

-QUANNU 'U RIAULU ACCARIZZA, SIGNIFICA CA VOLI L'AMMA (Quando il demonio ti accarezza, significa che da te vuole qualcosa. In questo caso, il diavolo può essere chiunque; cioe' tutti coloro che potrebbero indurti al male);

-CU PICCA PARRA, PICCA SGARRA(Chi parla poco, poco sbaglia. A volte la parola che esce di bocca, anche inconsciamente può avere effetti indesiderati);

-DIMMI  CU CCU VAI E TI RICU CU SI'(Dimmi con chi vai e ti di rò chi sei. Il proprio carattere subisce sempre l'influsso delle persone che frequenti. E' inevitabile.);

Leggi tutto: PROVERBIARIO 2

'A CHIAZZA 'I MOTTU

Share

Non c’era bisogno di prendere la macchina; a piedi o in carrozza, prima che col filobus, ci si arrivava lo stesso con comodità. E’ di piazza Mazzini che stiamo parlando:  la famosa “Chiazza ‘i mottu”. Era il cuore pulsante della tradizione fieristica legata ai defunti. Attraversata dall’attuale Via V. Emanuele, passando ppi l’Arcu ‘o Futtinu(porta Garibaldi), il cimitero è a un tiro di schioppo. Questa piazza ricca di storia, antico salotto catanese dalla suggestiva quinta scenografica, fino ai primi anni ‘60 dello scorso secolo ospitò la grande fiera di giocattoli destinata a fare felici i bambini. Una piccola città dei balocchi, posta all’interno di una città che aspirava a diventare Metropoli. Bambole di pezza, carrettini di legno, palle di stoffa, cavalli a dondolo, strumenti musicali in plastica e le “moderne” macchinette da corsa in acciaio, facevano bella mostra di sé. Senza contare i frutti di stagione esposti nelle botteghe de “Cosa ruciàra”: Dalle castagne caliate a quelle(durissime) napoletane; fino alle gustosissime “‘nzudde”(dal nome delle suore vincenziane che per primi li realizzarono). Non potevano mancare l’ ossa i’ mottu, la frutta martorana e ‘i “Ram’i’ napuli. “CCu tutti sti cosi esposti, ci vulissi ‘u pottafogghiu a mantici” sentenziavano i visitatori. Alla banniata dei venditori faceva da contrappunto

Leggi tutto: 'A CHIAZZA 'I MOTTU

Informazioni aggiuntive